fbpx

Soave nichilista

copertina_soave_nichilista_400




Anno: 2013 Isbn: 978-88-6396-340-3 Pagine: 136

Un debutto letterario raffinato e convincente. L’Autore combina tecniche stilistiche diverse tra cui quella fascinosa del monologo interiore e le amalgama in uno stile fluido e moderno.
La storia, temporalmente sviluppata nell’arco di poche giornate, prende il via dalle improvvise dimissioni del ventisettenne Giulio che decide di affrancarsi da una buona situazione lavorativa vittima di una subdola e astuta malattia interiore: il vuoto nichilistico. Riflessioni esistenziali, rapporti interpersonali essenzialmente giocati sul filo di una sottile ironia, scelte impulsive e azioni apparentemente sconsiderate, questa la cornice entro cui si muove il protagonista sempre sull’orlo dell’oscuro baratro della depressione.
Pronto a spiccare il volo ma ancorato a una disperata quanto euforica insoddisfazione.
Tutto perde di significato per Giulio, e tutto acquista intensamente significato nei piaceri più semplici e immediati, in quelli che definisce brevi eccezionali incantesimi multisensoriali.
Giulio si sente un urlo dilaniato che raschia le tonsille e non esprime alcunché, un gatto addomesticato, intontito e castrato sul comodo divano dei genitori. Distante in una indifferente apatia, alla smaniosa ricerca dell’oblio, dello stordimento beato dei sensi in week-end evasivi senza fine, fino a quando, nelle viscere inquiete di Giulio nasce e si sviluppa un feroce senso di rabbia, come un coltello dalla lama lunga e affilata conficcato in profondità attraverso lo sterno negli strati ultimi essenziali della sua anima nuda, che riesce finalmente a liberare il grido, l’urlo inespresso.

Questo sito utilizza i cookies. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookies sul tuo dispositivo. Consulta la privacy policy.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information